Immagini di buon San Biagio per WhatsApp

Ultimo aggiornamento

Il 3 febbraio è il giorno del protettore della gola e per queste ragioni vi proponiamo delle belle immagini di buon San Biagio per WhatsApp.

Vi proporremo 2 tipologie di immagini di buon San Biagio. La principale è quella che riguarda l’invio di immagini per augurare buon San Biagio per coloro che celebrano questa festività per le ragioni che tra poco spiegheremo, mentre la seconda tipologia di immagini è per coloro che si chiamano Biagio e festeggiano l’onomastico in questa data e ai quali invieremo i nostri auguri via WhatsApp o via Facebook. Prima di passare alle immagini vediamo perché si festeggia San Biagio e qual è la tradizione.

Chi era San Biagio

Biagio era un vescovo e studioso di medicina della comunità di Sebaste in Armenia. Nei suoi confronti ci fu intorno al 316 una vera e propria persecuzione dovuta ai contrasti tra l’orientale Licinio e l’occidentale Costantino. Le sue reliquie furono portate a Maratea (di cui è patrono).

Perché si festeggia San Biagio

Biagio riuscì a guarire un bambino al quale si era conficcata una lisca di pesce facendo ingerire al malcapitato una grossa mollica di pane. Dopo il martirio venne fatto santo e da quel momento viene considerato il protettore della gola. Il 3 febbraio (giorno di San Biagio appunto) si festeggia questa ricorrenza.

Perché si mangia il panettone a San Biagio

Si parte da lontano e seguite la vicenza dimenticandovi per un attimo la ricorrenza e San Biagio stesso: una donna portò prima di Natale ad un frate un panettone affinché lo benedicesse e dicendo che sarebbe ripassata nei giorni successivi; la donna si dimenticò lì per lì e il frate dopo averlo benedetto iniziò a mangiarlo fino a terminarlo.

La donna si ripresentò il 3 febbraio chiedendo il suo panettone, il povero frate (che si chiamava Desiderio) si stava accingendo con imbarazzo a consegnare l’involucro vuoto ma con sua sorpresa al suo interno ritrovò un panettone di dimensioni ancora maggiori rispetto all’originale.

Da lì si attribuì quel miracolo a San Biagio e da quel momento vi è appunto la tradizione di portare (a Milano soprattutto) un panettone avanzato a benedire e mangiarla nella mattinata del 3 mattina per proteggere la gola. Ancora oggi si mangia il panettone sebbene si sia persa la tradizione far benedire il panettone ma è rimasta la consuetudine di avanzare un po’ di panettone per mangiarlo il 3 febbraio, giorno di San Biagio.

Cosa si mangia nelle altre regioni e città a San Biagio

Ma se a Milano si mangia il panettone nelle altre regioni si mangia dell’altro come ad esempio in provincia di Salerno (e precisamente a Lanzara) dove si mangia la “polpetta di San Biagio”. In provincia di Trapani invece (a Salemi) si mangiano i “cavadduzzi” ovvero le cavallette e caddureddi e che sono entrambi dei pani. A Veroli (provincia di Frosinone) si mangiano i “Cellitti” di San Biagio che sono dolci che simulano il dito indice di San Biagio.

Come la Chiesa celebra nella liturgia San Biagio

È tradizione introdurre una benedizione alle “gole” dei fedeli durante la celebrazione liturgica; questa avviene incrociando due candele da parte del parroco.

Le immagini di buon San Biagio

Per salvare poggiato il dito sulle schermo del vostro smartphone per qualche secondo e seguite le istruzioni mentre se state usando un pc fate tasto destro col mouse. Dopodiché potete inviarle via WhatsApp o postarle su Facebook.

Immagini di onomastico di San Biagio

Se vuoi un cruciverba personalizzato Contattaci